Kbike - Frizione antisaltellamento

Nella fase di staccata - in un impiego sportivo della moto -, il peso della moto e del pilota spostano il baricentro ed i pesi verso l'avantreno, alleggerendo quindi notevolmente il retrotreno. Normalmente una staccata è accompagnata anche da una rapida scalata di uno o più rapporti, in modo tale da tenere sempre il motore nel range ottimale di utilizzo e per sfruttare al massimo il freno motore per rallentare nel minor spazio possibile. Sapendo però che, per i nostri bicilindrici, il motore trasmette un notevole valore di coppia motrice - conseguentemente un notevole valore di coppia decelerante (chiamiamola "coppia negativa" per semplicità di trattazione) - può accadere che la coppia negativa applicata dalla ruota posteriore al motore è addirittura eccessiva e provoca il bloccaggio della stessa. La ruota completamente scaricata inizia a saltellare e scivolare facendo perdere l’assetto ottimale alla moto e impedendo un ingresso in curva corretto ed in sicurezza. Lo scopo della frizione antisaltellamento è proprio quello di limitare l’eccesso di coppia frenante per mezzo di uno slittamento controllato dei dischi della frizione.

Qui troverete un'analisi tecnica e di funzionamento di una frizione antisaltellamento con sistema a sfere e molla a ragno a petali larghi, messa a punto dall'italiana Kbike, da applicare ai motori Ducati con frizione a secco.

Il kit viene fornito di tutti i particolari per un completo montaggio, minuteria compresa: viti molle spingidisco, viti campana, oring, ecc.. Vengono  Tutte le parti in ergal sono anodizzate, in particolare le parti più stressate - campana, tamburo e castelletto - hanno un riporto da 50 micron che le rende particolarmente restitenti all'usura. Le parti in ergal meno stressate e che compongono la parte "estetica" del gruppo - piattelo e scodellini molla - sono anodizzate in diversi colori selezionabili a scelta del cliente almomento dell'ordine. 

analisi frizione kbike 1

analisi frizione kbike 2


1- Piattello spingidisco
2- Campana frizione
3- Scodellini molla, molle
4- Dado di montaggio
5- Sferette ricambio

6- Tamburo frizione
7- Castelletto frizione
8- Molla a ragno
9- Distanziale precarico molla

analisi frizione kbike 4analisi frizione kbike 3


Interessante il risparmio di peso rispetto ad un gruppo originale:circa 270 grammi che, su una massa in movimento collegata all'albero motore, và a ridurre l'effetto volano su quest ultimo. Sui gruppi frizione antisaltellamento si devono utilizzare dischi conduttori necessariamente in lega leggera. Il materiale d'attrito è legato al tipo di utilizzo cui è destinata la frizione, comunque consigliabile un set in materiale sinterizzato. Volendo si possono utilizzare anche i dischi originali, con il limite della loro durata che sarà limitata a causa degli stress meccanici a cui saranno sottoposti.


analisi frizione kbike 6analisi frizione kbike 7


Il sistema antisaltellamento funziona grazie ad un collaudato sistema di rampe e sfere che permette al tamburo di scorrere assialmente nel momento in cui la ruota posteriore trasmette al motore una coppia negativa (fase di staccata, scalata marcia, gas chiuso). Lo spostamento del tamburo alleggerisce la pressione sul pacco dischi della frizione e consente lo slittamento controllato della frizione. Questo movimento del gruppo tamburo/piattello caratterizza il tipico "pulsare" della leva della frizione. L'inclinazione delle rampe del tamburo e del castelletto, consente un utilizzo racing della frizione consentendo comunque di poterla sfruttare anche per un uso sportivo su strada. Il gruppo frizione K-bike è stato colaudato da diversi Soci del Team desmodromico e messa alla fusta sia con un intenso utilizzo in pista che con un utilizzo "estensivo" in strada. Pur essendo un prodotto tipicamente racing e soggetto ad intervalli di manutenzione e revisione piuttosto ristretti (1500-2000 km al massimo se su strada, dopo ogni giornata in pista per uso racing), si è dimostrata un prodotto molto affidabile e costante nel rendimento. Interessante il fatto che la K-bike abbia disponibili a richiesta i ricambi di tutte le parti dei suoi gruppi frizione, permettendo di tenerla sempre efficiente nel tempo.

Le operazioni di montaggio, descritte in questa pagina web: LINK, necessitano di una conoscenza di procedure meccaniche e di utilizzo di attrezzature che possono non essere alla portata di tutti. Parimenti la sua messa a punto, dove si dovrà lavorare con l'altezza del pacco dischi e le loro caratteristiche (spessore, tipo, ecc..) per adeguarla alle necessità di guida del pilota. In caso di dubbio, meglio affidarsi ad un professionista del settore per andare a colpo sicuro!!

La frizione K-bike è disponibile sia con gruppo a 6 molle che a 4 molle. Fra i due modelli non ci sono differenze di funzionamento, si ha solo una differenza di peso, più leggere per il modello a 4 molle.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi la nostra Cookies Policy.