Desmodromico!!

La distribuzione desmodromica è la caratteristica vincente dei bicilindrici DUCATI fin dal 1972. La particolarità di questo sistema di distribuzione risiede nel fatto che ogni valvola è guidata, nei moti di apertura e di chiusura, da due bilancieri e da due cammes. I funghi delle valvole non hanno quindi la molla di richiamo presente normalmente sui motori 4T. Succede quindi che quando la camma di apertura muove il suo bilanciere (1) aprendo la valvola a fungo, la camma di chiusura libera il suo bilanciere (2) permettendogli di seguire passivamente il moto della valvola. Terminata la fase di apertura, la camma di chiusura muove il suo bilanciere (2) chiudendo la valvola a fungo, analogamente la camma di apertura libera il suo bilanciere (1) permettendogli di seguire passivamente il moto della valvola.E' importante notare che la piccola molla presente sul bilanciere di chiusura - di minimo carico - non determina il moto della valvola, ma bensì solo la tenuta della stessa sulla sede, necessaria specie nella fase di avviamento del motore. 

1 - Bilanciere di apertura;
2 - bilanciere di chiusura;
3 - stelo valvola;
4 - registro di apertura;
5 - registro di chiusura;
6 - semianelli registro chiusura.

Questa bella animazione in Flash (creata da www.bluming.com) illustra chiaramente il funzionamento di una valvola di un motore Desmodue. Notate come i due bilancieri lavorano in modo assolutamente sincrono, in modo tale che sia la camma di apertura che quella di chiusura possano governare il moto della valvola in modo indipendente.

Questo permette di ottenere delle fasi estremamente precise in quanto guidate "attivamente" nelle fasi di apertura e chiusura. La fase di chiusura, in particolare, non è soggetta a moto "passivo" dato da una molla di richiamo. Questa maggiore complessità meccanica porta ad avere dei vantaggi non indifferenti:

  • Riduzione degli attriti di funzionamento di circa il 30% grazie all'assenza della molla di richiamo della valvola, che specialmente con diagrammi di distribuzione spinti necessita di un carico notevole.
  • Totale assenza del fenomeno dello sfarfallamento agli alti regimi di rotazione, in quanto la valvola è sempre guidata nei suoi moti.
  • Possibilità di ottimizzare e variare il moto della valvola permettendogli tempi di apertura maggiori (rosso) a parità di durata della fase ed alzata valvola rispetto ad un motore standard (giallo). Sostanzialmente, aumenta il time-area delle fasi (zona compresa tra la curva gialla e rossa, in blu).
  • I tempi di incrocio nel moto delle valvole di aspirazione e scarico come anche i tempi di ritardo in chiusura ed anticipo in apertura delle valvole - determinanti ai fini delle performances del motore - potranno essere ottimizzati e variati a seconda delle esigenze di impiego del propulsore

Perchè "desmodromico"? Il nome "desmodromico" deriva dalle parole greche "desmos"=controllata e "dromos"=corsa. Già dal nome, quindi, si intuisce che si tratta di un sistema di distribuzione dove la corsa della valvola è controllata sia durante la fase di apertura che in quella di chiusura.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi la nostra Cookies Policy.