MOTORE

Visite: 5550

 

Questo schema illustra come e dove si dovrà andare a dintervenire:

  1. fascette;
  2. filtro carburante;
  3. tubo raccordo linea alimentazione;
  4. fascetta;
  5. tubo raccordo;
  6. supporto pompa;
  7. pompa carburante;
  8. cablaggio pompa carburante.

La prima operazione da fare, sembra ovvio, è svuotare il serbatoio. Può tornare utile una pompa unidirezionale generica a mano, infilata dal tappo rifornimento.

Per svuotare correttamente il serbatoio si dovrà smontare la sella, sganciare il serbatoio e quindi tenerlo alzato con l'asta di servizio.In questo modo il carburante residuo si deposita sul fondo nella parte posteriore del serbatoio e sarà possibile svuotarlo completamente.

 

Terminato lo svuotamento, si può abbassare il serbatoio. Si inizia quindi la procedura di smontaggio del tappo carburante. Con il simbolo ( ! ) è indicato il bullone con testa a brugola (5 mm.) antifurto, da smontare per primo.

 

I bulloni indicati con i numeri 1 - 2 - 3 trattengono sulla flangia serbatoio la parte superiore del tappo. Svitati con una chiave a brugola da 5 mm. liberano coperchio e flangia tappo che possono essere facilmente sfilato a mano.

 

La flangia serbatoio è fermata con 8 grani ciechi lungo la sua circonferenza. E' sufficiente allentarli in modo che liberino la flangia dal serbatoio.

Per sfilare la flangia dal serbatoio, si dovrà riavvitare il bullone antifurto e quindi tirarlo aiutandosi con una pinza.

 

Questa particolare foto, scattata all'interno del serbatoio, rende l'idea di come sia posizionato il gruppo pompa carburante all'interno del serbatoio. Con il numero ( 1 ) è indicata la pompa carburante, alloggiata nel suo supporto in gomma e quindi incastrata nell'innesto a molla solidale al serbatoio. Con il numero ( 2) è indicato il cablaggio elettrico di alimentazione della pompa carburante.

La pompa carburante si libera dal suo innesto a molla del serbatoio semplicemente tirandola.

 

Dal buco del tappo carburante, si accede facilmente al filtro carburante. Allentate la fascetta di metallo che trattiene il tubo di raccordo fra il filtro e la linea carburante e quindi sfilatelo dal filtro.

Sganciata la pompa carburante e liberato il filtro, iniziate a farlo uscire dal buco del tappo carburante. Prima di far fuoriuscire il tutto, fate attenzione al cablaggio indicato con ( ! ) che dovrà essere staccato proprio sul limitare dell'uscita della pompa dal buco del tappo.

 

Ecco il gruppo sfilato dal serbatoio:

  1. filtro carburante;
  2. tubo raccordo;
  3. pompa carburante e supporto in gomma;
  4. filtro a reticella.

Smontate il filtro carburante, verificate lo stato della tubazione di raccordo con la pompa e pulite con attenzione il filtro a reticella utilizzando un pennellino, aria compressa a bassa pressione ed un solvente adatto.

 

Dal buco del tappo carburante verificate lo stato delle tubazioni di:

  1. sfiato;
  2. drenaggio;
  3. linea alimentazione.

 

Reinfilate il gruppo pompa-filtro dal buco del tappo serbatoio, collegando il cablaggio pompa carburante appena a misura. Verificate che la freccia presente sul corpo filtro sia rivolta verso la parte anteriore della moto. All'interno del serbatoio, la pompa carburante ed il filtro devono essere fermati a dei sostegni a molla solidali al serbatoio... lo spazio di manovra è veramente poco e nel caso, arruolate la vostra dolce metà e fatela lavorare con le sue manine all'interno del serbatoio!!!! THORATTILA DOCET!!!!

Serrate con cura le fascette di tenuta, del filtro carburante.

 

Prima di riposizionare la flangia di supporto del tappo carburante, passate un velo di grasso al litio sul bordo del buco tappo carburante del serbatoio e sulla zona della flangia che lavora ad incastro con il serbatoio.

Abbiate cura che gli o-ring e le tenute siano in ordine e ben ingrassate.

Aiutandovi con un piccolo giravite, posizionate in modo corretto il labbro di tenuta della flangia. Appoggiate la flangia nel buco, cercando già di posizionarla in modo corretto, del serbatoio e spingete cercando di tenerla il più possibile in piano con il buco stesso. Una volta infilata, avvitate il tappo alla flangia (bastano le due viti anteriori) e verificatene il centraggio, eventualmente piccoli aggiustamenti si possono fare facendola ruotare. Una volta ben centrata smontate nuovamente il tappo e riavvitate i grani di tenuta.

Infine, riposizionate il tappo, e procedete al suo fissaggio, senza dimenticarsi il bullone antifurto!!

al primo riavvio è necessario far girare la pompa per caricarla a modo di carburante, facendo fare due-tre cicli completi di check avviamento. Sentirete il rumore dell'aria che uscirà dalla pompa e che gorgoglia nella benzina del serbatoio. 

Visite: 3506
La procedura illustrata è stata eseguita dal buon Teobecks sulla sua Ducati ST2. Lo stesso iter è praticabile, fatte le dovute differenze fra le sovrastrutture da smontare (primo fra tutti il serbatoio) e le dimensioni e forma della flangia, a diversi modelli di Ducati che hanno il caratteristico gruppo flangia/pompa calettato sul fondo del serbatoio.
   
Prima di eseguire questa operazione è importante avere il serbatoio con pochissima benzina dentro, un recipiente con una capacità di almeno 5 litri (considerando la riserva di 4 litri dovrebbe essere sufficente) e carta assorbente.

Sollevare il serbatoio dopo aver rimosso la plastica che circonda il blocchetto dell'accensione e sganciato il fermo in gomma sottostante.
Scollegare il connettore sotto il serbatoio.
Allentare le fascette di tenuta dei tubi benzina.
Ai tubi è, solitamente, allegata una fascetta riportante una M (mandata) e una R (ritorno); è importante non scambiare la posizione dei tubi.

Nota: guradando il fondo del serbatoio come in foto il tubo a SX è la mandata, il tubo di DX e il ritorno.

Scollegate il tubetto di sfiato.

 

 

 

Ora è possibile staccare il serbatoio dalla moto. Sfilate la forcina di fermo facendo attenzione alla rondella che è posta dietro; ora sfilate il perno tenendo sollevato in modo sicuro il serbatoio.

 

 

 

Con l'ausilio di una chiave a brugola svitate la vite posta nel punto più "basso" del serbatoio, che altro non è che un vero e proprio tappo di scolo.

 

 
   
Dopo aver svuotato il serbatoio, svitate i 3 dadi del gruppo pompa, sui restanti 3 fori filettati avvitate altrettante viti M6.
Stringete le viti M6 un po' alla volta in maniera uguale, facendo così il gruppo pompa si estrarrà in modo lineare senza "impuntamenti".
 

 

 

Sfilate tutto il gruppo dopo aver scollegato i 2 tubi di sfiato che salgono fino al tappo e il connettore del galleggiante.

 

 

Allentate la vite che blocca la fascetta attorno al filtro benzina. Svitate le viti dei tubi in ingresso e uscita del filtro, rimuovetelo e sostituitelo con il nuovo ricambio avendo la cura di rispettare la freccia che indica l'uscita dal filtro stesso. Stringete la fascetta di plastica attorno al filtro.

 

Ricollegate i tubi al filtro e stringete bene le fascette. Prima di riposizionare il gruppo all'interno del serbatoio passate l'o-ring della flangia con del grasso e riposizionate i tubi di sfiato che vanno al tappo.

Serrate bene le fascette. Collegate il connettore del galleggiante.
Prima di chiudere controllate più volte di aver stretto a dovere tutte le fascette, meglio essere sicuri piuttosto che avere dubbi e dover smontare tutto di nuovo.

Verificate lo stato dell'o-ring della pompa carburante. Se allentato, deformato o schiacciato 

Infilate tutta la flangia nel serbatoio premendo in modo uniforme x favorire il posizionamento.

Avvitare le viti di bloccaggio della flangia.
Applicate del frenafiletti e sostituite la guarnizione di rame, oppure applicate del sigillante/frenafiletti alla vite che fa da tappo in fondo al serbatoio e stringete bene.

Ora è possibile riposizionare il serbatoio sulla moto, infilando il perno e la forcina di fermo.

 

Collegare i tubi benzina, il tubo di mandata (M) va sul tubetto di SX mentre quello di ritorno (R) a DX, e il connettore sotto il serbatoio.
In questa fase prestate attenzione a infilare i tubi benzina ben infondo e di serrare le fascette per bene onde evitare che i tubi si stacchino.

Versate un po' di benzina nel serbatoio e attivate la pompa un paio di volte girando la chiave nel blocchetto di accensione e attendendo che la centraline finisca il suo "check". Accendete la moto e verificate che nn vi siano perdite.

 

Come anticipato, questa guida per la serie ST è altresì applicabile a tutte le moto che hanno la flangia pompa calettata sul fondo del serbatoio: Ducati SBK, Multistrada, Monster (Monster con serbatoio in plastica e New Monster), Hypermotard, ecc. che possono presentare piccole differenze a livello di flangia, ma sostanzialmente la procedura rimane la stessa.

 


Ecco qui il gruppo pompa di una 749-999 smontato: cambia qualche particolare ma sostanzialmente si procede allo stesso modo...

 

 

Visite: 3285

Ad ogni step di manutenzione ordinaria, e comunque almeno ad ogni inizio stagione, è necessario pulire e/o sostituire il filtro aria. In caso si avesse ancora i filtro aria originale, dopo il primo anno di utilizzo, una soffiata con aria compressa a bassa pressione ed una pulizia con un pennellino è più che sufficiente, per poi sostituirlo completamente alla scadenza del secondo anno o dei 20.000 km.. In caso di un filtro aria aftermarket, una pulizia e lubrificata (eventuale e con prodotti specifici) ad ogni inizio stagione, a seconda di quanto prescritto dai produttori del ricambio, lo farà durare quanto la moto stessa e permetterà al motore di respirare aria pulita in massima efficienza. In questo articolo viene descritto come smontare il filtro aria dalla serie Ducati Streetfighter 848-1098.

Il filtro dell'aria si trova all'interno dell'airbox ed è accessibile da entrambi i lati della moto andando a rimuovere una delle due prese d'aria che si trovano proprio dietro al cannotto di sterzo. Il coperchio/convogliatore è trattenuto da tre viti con testa esagonale femmina (brugola) da 4 mm. Due nella zona anteriore ed una nella zona posteriore. Nello smontarle, prendete nota di dove si trovavano originariamente. Smontate il coperchio/convogliatore da entrambi i lati della moto.

Filtro aria Streetfighter 1098 848 9 Filtro aria Streetfighter 1098 848 6


Filtro aria Streetfighter 1098 848 5Tolte le tre viti il coperchio/convogliatore potrà essere estratto senza alcuno sforzo. Nella zona sottostante apparirà subito una estremità della cartuccia del filtro dell'aria. Pulite con cura tutta la zona e la parte interna del coperchio/convogliatore prima di estrarre la cartuccia del filtro aria.

 

 

 

 

Filtro aria Streetfighter 1098 848 3

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La cartuccia del filtro aria si sfila e si potrà quindi procedere ad una sua pulizia o sostituzione. E' importante che la cartuccia filtro non presenti tagli o lacerazioni e che non risulti deformata da un precedente errato montaggio, nel dubbio deve essere sostituita. La pulizia del flltro aria si può effettuare prima con un pennellino, agendo sulla parte esterna per asportare il grosso dello sporco. Quindi con aria compressa a bassa pressione soffiandola dall'interno verso l'esterno (al contrario di come normalmente passa l'aria verso il farfallato) per asportare anche le polveri più sottili. Come anticipato, in caso del filtro aria originale, potrà subire una sola pulizia prima della sua sostituzione. Nel caso si sia optato per un filtro aftermarket, dopo la pulizia "a secco" procedete con le operazioni eventuali di lavaggio e lubrificazione prescritte dal produttore.


Filtro aria Streetfighter 1098 848 1Rimontato il coperchio/convogliatore su un lato della moto, si potrà rimontare la cartuccia del filtro aria che sia ben allineata e centrata su entrambi i lati dell'airbox. Nulla di particolare: se così non fosse non si riuscirebbe a infilare al suo posto il secondo coperchio/convogliatore. Alcuni piccoli movimenti aiuteranno a centrarlo adeguatamente e quindi si potrà rimontare il coperchio/convogliatore.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Filtro aria Streetfighter 1098 848 10Verificate che entrambi i coperchi/convogliatori siano ben montati. Le viti che li trattengono in sede non devono assolutamente forzare quando le avvitate e, assolutamente, non si devono stringere in modo eccessivo per non rovinare la filettatura nel corpo airbox!!

Visite: 4964

Filtro a rete old 1Nei motori più recenti il filtro a rete non è solidale al tappo posto alla base del basamento. Il tappo in lega di alluminio, può essere svitato utilizzando una chiave a brugola da 14 mm..


Filtro a rete old 3Rimosso il tappo, fate attenzione alla rondella di tenuta che normalmente resta incollata alla superficie del tappo, proprio come nel caso illustrato nella immagine a fianco. La rondella di tenuta, se non deformata o segnata, può essere riutilizzata. Tolto il tappo, in fondo al pozzetto, appare un secondo innesto per chiave a brugola da 14 mm.. Questo è il supporto per il filtro a rete.


Filtro a rete old 5Svitato il supporto,verrà dietro - sfilandolo - il filtro a rete. Il filtro a rete andrà pulito utilizzando un prodotto dewatering o dellabenzina ed un pennellino in modo da asportare eventuali impurità presenti. Per l'asciugatura si utilizza uno straccetto o, se particolarmente sporco, aria compressa a bassa pressione sparata dal centro del supporto con innesto esagonale, in modo che benzina residua e sporcizia ancora eventualmente presente venga allontanata dalla retina. L'aria compressa a bassa pressione deve essere passata con cautela per evitare di rovinare la retina.

ATTENZIONE!! Il gruppo filtro a rete ed il suo tappo devono essere montati necessariamente a motore freddo!! Ripulite con la massima cura le filettature del supporto filtro a rete, del tappo e le loro relative nel basamento. Rimontate quindi il filtro a rete che dovrà essere rimontato e tirato a 42NM, analogamente al tappo di chiusura.

Visite: 4394

filtro a rete 05La pulizia del filtro a rete del circuito dell'olio si può effettuare dopo aver scaricato completamete l'olio motore. Sui motori prodotti indicativamente sino al 2000 il filtro a rete del basamento è solidale al tappo presente nella parte bassa/destra della coppa dell'olio. I motori 4 valvole hanno semplicemente un tappo con un innesto esagonale maschio, come quello indicato dalla freccia in foto.


filtro a rete 02Nei motori 2 valvole, si può trovare un tappo con una conformazione diversa, come in quello indicato dalla freccia in foto. La particolarità di questo tappo del filtro a rete stà nel fatto che al suo centro ha il bulbo del sensore per la temperatura dell'olio. Sarà sufficiente spostare il cappuccio di protezione in gomma e troveremo al di sotto un faston infilato sul bulbo. Sfilato il faston, si dovrà smontare il bulbo con una chiave esagonale da 10 mm.. Fate attenzione alla rondella di tenuta al di sotto del bulbo.


filtro a rete 03Il tappo del filtro a rete, smontandolo e sfilandolo dal carter utilizzando una chiave a bussola, si porterà dietro il filtro a rete. Fra tappo e basamento è posizionata una rondella di alluminio di tenuta. E' riutilizzabile solo se non presenta schiacciamenti anomali e/o deformazioni. Nel dubbio è da sostituire.


filtro a rete 01Ecco smontato il filtro a rete con il tappo. Nella foto potete notare anche la rondella di tenuta in prossimità del tappo. Il filtro a rete andrà pulito utilizzando un prodotto dewatering o della benzina ed un pennellino in modo da asportare eventuali impurità presenti. Per l'asciugatura si utilizza uno straccetto o, se particolarmente sporco, aria compressa a bassa pressione sparata dal centro del supporto con innesto esagonale, in modo che benzina residua e sporcizia ancora eventualmente presente venga allontanata dalla retina. L'aria compressa a bassa pressione deve essere passata con cautela per evitare di rovinare la retina. ATTENZIONE!! Il gruppo filtro a rete ed il suo tappo devono essere montati necessariamente a motore freddo!! Rimontare quindi il filtro a rete, tirando il tappo a 20NM. Eventualmente, il bulbo temperatura olio dovrà essere tirano a 8NM.

Il filtro a rete andrà pulito utilizzando un prodotto dewatering o della benzina ed un pennellino in modo da asportare eventuali impurità presenti. Per l'asciugatura si utilizza uno straccetto o, se particolarmente sporco,

Visite: 17527

In questo articolo viene analizzato il cambio olio e filtro nei motori "coppa bassa" che rappresentano la totalità dei motori con distribuzione a quattro valvole a partire dal 998 cc. Testastretta serie S. Il cambio olio e relativo filtro è l'operazione base degli interventi di manutenzione di routine da effettuare su qualsiasi motore a scoppio. I motori Ducati sono dotati di un circuito unico dell'olio che serve: imbiellaggio: albero motore, bielle, cuscinetti di banco; trasmissione: coppia primaria, cambio, frizione (quando a basgno d'olio); distribuzione: alberi a camme, valvole, bilancieri, distribuzione primaria (solo motore Superquadro). Gli intervalli di cambio olio previsti sono da effettuarsi ogni 10.000 o 12.000 Km a seconda dell'anno di produzione della moto. Data l'importanza fondamentale del liquido lubrificante e della sua perfetta efficienza, consiglio di effettuare il cambio olio e filtro sempre prima del valore più basso del range previsto di percorrenza (prima del raggiungimento dei 10.000 Km). Altro importantissimo elemento del circuito di lubrificazione da sostituire ad ogni cambio olio è il filtro dell'olio. Ad un prezzo di pochi Euro, si ha la certezza di avere sempre il circuito di lubrificazione perfettamente efficiente. Analizziamo anzitutto dove si dovrà andare ad intervenire sul motore, una volta smontate le sovrastrutture se necessario (carenatura, puntale, ecc.).

Quello illustrato in foto è un motore 1098/1198. A parte le termiche (cilindri e testate) il basamento ed i suoi componenti su cui andremo ad intervenire sono analoghi a tutti i motori Testastretta fatto salvo i motori con basamento fusi con la tecnologia Vacural e i Testastretta con frizione a bagno d'olio, che vengono analizzati più avanti nell'articolo.

  1. Tappo carico olio
  2. Oblò ispezione livello olio
  3. Tappo di scarico olio Filtro olio

Olio filtro coppabassa 28Ecco un particolare diverso che troveremo sui motori con basamento fusi con la tecnologia Vacural: il filtro olio. Come potete notare è, rispetto alle versioni precedenti, è totalmente esposto... più semplice intervenire per smontarlo!!


Olio filtro coppabassa 27Altro particolare, che troviamo su tutti i motori Testastretta con frizione a bagno d'olio (848 SBK -1200 Multistrada/Diavel), è il tappo di carico olio che si trova nella parte alta posteriore del carter frizione. Controllate con cura lo stato dell'o-ring di tenuta del tappo di carico che deve essere integro, senza crepette o schiacciato. 


Olio filtro coppabassa 6 Olio filtro coppabassa 7

Differenza sostanziale, rispetto ai motori "coppa alta" è la posizione del tappo di scarico olio (immagine sulla destra) ed il tappo di accesso al filtro a rete (coperchio di lato al tappo scarico olio). Nell''immagine di destra è rappresentato il fondo della coppa dell'olio di un motore Testastretta EVO (848-1098-1198), nell'immagine di sinistra un Testaretta (749-998-999). L'unica differenza stà nella forma del tappo del filtro a rete, il resto - comprese le coppie di serraggio e le metodologie di intervento - sono uguali. Anzitutto proteggete le mani prima di iniziare il lavoro, almeno un paio di guanti in lattice (tipo robusto) può già fare al caso. Posizioniamo la moto su un cavalletto di servizio in modo da tenerla ben ferma e dritta. Accendiamo il motore e facciamolo entrare in temperatura in modo da fluidificare al meglio l'olio. Spegniamo quindi il motore ed attendiamo una mezz'ora che l'olio ben fluido e caldo defluisca il più possibile verso la coppa dell'olio. Posizioniamo un contenitore per recuperare l'olio esausto sotto al motore, centrandolo con il tappo di scarico olio.

Olio filtro coppabassa 31Con una chiave a brugola da 5 mm. andiamo quindi a sbloccare e svitare il tappo di scarico olio. Fate attenzione!! Svitando il tappo di scarico inizierà a defluire l'olio motore che è ancora molto caldo!! Svitando il tappo olio fate attenzione alla sua rondella di tenuta in alluminio. Fate scaricare l'olio completamente senza avere fretta. Resterà comunque un pò di olio vecchio all'interno del motore (all'interno dell'eventuale radiatore olio, nelle intercapedini, sugli ingranaggi, cuscinetti, condotti vari di lubrificazione), non badateci troppo: cambiando l'olio motore ad intervalli corretti e con olio di ottima qualità sarà comunque un residuo che non crea problemi e che si miscelerà con il nuovo olio senza rovinarlo.


Olio filtro coppabassa 29Ecco il tappo di scarico olio. Potete notare che ha al suo centro una calamita che ha la funzione di trattenere le particelle metalliche in sospensione nell'olio. Queste particelle metalliche sono il normale consumarsi ed assestarsi delle parti in movimento del motore. Specie al primo tagliando (1000 Km), accade che si trovi una discreta quantità di limatura metallica attaccata al magnete: normale assestamento del motore. Badate, si deve trattare di limatura di ferro, trovarci dei veri e propri pezzetti di ferro (specie nei tagliandi successivi) significa che qualcosa funziona male... pulite il magnete e controllate che la filettatura del tappo sia anche lei bella pulita e priva di schiacciamenti. Anche l'inserto della chiave a brugola deve essere ben preciso e privo di smussature, eventualmente non esitate a cambiare il tappo di scarico con uno nuovo. La rondella di tenuta del tappo di scarico olio può essere riutilizzata solo se in ottimo stato. Nel dubbio, conviene sempre sostituirla.


Olio filtro coppabassa 28Ora si potrà smontare il filtro olio. Questo è avvitato ad un nipplo solidale al basamento. Può tornare utile utilizzare una chiave a nastro universale, che grazie alla fascia sottile ed alla possibilità di poterla stringere e fermare con forza, riesce ad offrire una sufficiente leva per poter sbloccare il filtro olio oppure una bella chiave a tazza per filtri olio, indispensabile per stringerlo con una chiave dinamometrica.


Olio filtro coppabassa 26Il filtro olio offrirà una discreta resistenza ad essere sbloccato, dovuto al naturale rigonfiamento della sua guarnizione (gonfiandosi garantisce la tenuta del filtro stesso). Smontato il filtro olio, svuotatelo nel contenitore che avete già usato per raccogliere l'olio del basamento. Pulite ed asciugate con la massima attenzione tutta la sede di appoggio del filtro olio (gocciolerà un pò di olio appena smontate il filtro) e la sede del tappo di scarico. Badate che le filettature del nipplo del filtro e della sede del tappo di scarico siano ben pulite.


Olio filtro coppabassa 15Ora iniziamo a preparare il nuovo filtro olio. Sfilate la guarnizione di tenuta dalla sede sul filtro ed ungetela con olio motore. Aiutandovi con un piccolo imbuto riempite il nuovo filtro di olio motore sino a lambire la base della filettatura che si trova al centro (entreranno meno di 200 cc.). Nel riempire il filtro smuovetelo e ruotatelo lentamente in modo da far fuoriuscire al meglio l'aria presente al suo interno. Riposionate la guarnizione nella sua sede del filtro. Il filtro olio potrà quindi essere riavvitato nella sua sede. Il serraggio vi consiglio di farlo letteralmente "a mano", stringendo più forte che potete eventualmente aiutandovi con una pelle di daino per avere più grip. Nel caso vogliate attenervi alla prescrizione da manuale, utilizzate una chiave a tazza per trattenere il filtro e poterlo serrare in sede a 11 NM.


ATTENZIONE!! Il tappo di scarico olio deve essere montato necessariamente a motore freddo!!
Rimontate quindi il tappo scarico olio. Infilate la rondella di tenuta nel tappo e mettete un velo di pasta per motori sulla filettatura nella zona in prossimità della rondella. Avvitate il tappo e tiratelo con una chiave dinamometrica a 20 NM (range di sicurezza compreso tra 18 e 22 NM).

Olio filtro coppabassa 14 Olio filtro coppabassa 13


Olio filtro coppabassa 10Ora si potrà iniziare a caricare il nuovo olio motore. Caricate l'olio lentamente, dandogli il tempo di arrivare a decantare sul fondo della coppa dell'olio e di riempire tutti gli spazi attigui. Arrivati a circa due litri di carico si inizierà a vedere l'olio che sale dall'oblò di ispezione livello. Rallentate ulteriormente la velocità con cui caricate l'olio e portatelo ad un livello compreso tra la tacca del massimo e quella del minimo. Chiudete il tappo di carico. Accendete la moto: la spia rossa della pressione presente sul cruscotto si deve spegnere dopo pochi istanti. Fate girare qualche minuto il motore al minimo, quanto basta per fluidificare un minimo l'olio. Spegnete ed attendete cinque minuti, quindi verificate nuovamente il livello olio dall'oblò di ispezione livello: quasi sicuramente sarà necessario rabboccare l'olio per portarlo nuovamente al livello indicato nella immagine successiva, ovvero sotto al livello del massimo (tra il riferimento del massimo ed il riferimento del minimo sarebbe ancora meglio...).


Olio filtro coppabassa 8A mio parere è la giusta quantità di olio per far funzionare il motore in piena sicurezza in tutti i tipi di utilizzo e si hanno meno perdite per sbattimento e indesiderate sfumacchiate allo scarico per l'olio che risale dal circuito di sfiato del basamento. Assolutamente mai superare il livello del massimo, si andrebbero a stressare guarnizioni e paraoli a causa della pressione eccessiva a cui si potrebbe trovare a lavorare il basamento. Quanto olio si deve caricare? Quanto ne serve!! Non badate alle quantità indicate sui manuali, brochures, ecc., fate riferimento esclusivamente al livello che otterrete nell'oblò di ispezione livello. In generale, con quattro litri di olio si riesce a fare un tagliando a qualsiasi motore Ducati e ne avanza per eventuali rabbocchi.

Visite: 15160

In questo articolo viene analizzato il cambio olio e filtro nei motori "coppa alta" che rappresentano la totalità dei motori con distribuzione a due valvole, i motori tre valvole, i motori quattro valvole sino al 998 cc. Testastretta. Praticamente la maggioranza dei motori di produzione Ducati!! Il cambio olio e relativo filtro è l'operazione base degli interventi di manutenzione di routine da effettuare su qualsiasi motore a scoppio. I motori Ducati sono dotati di un circuito unico dell'olio che serve:

  • imbiellaggio: albero motore, bielle, cuscinetti di banco;
  • trasmissione: coppia primaria, cambio, frizione (quando a bagno d'olio);
  • distribuzione: alberi a camme, valvole, bilancieri, distribuzione primaria (solo motore Superquadro).

Gli intervalli di cambio olio previsti sono da effettuarsi ogni 10.000 o 12.000 Km a seconda dell'anno di produzione della moto. Data l'importanza fondamentale del liquido lubrificante e della sua perfetta efficienza, consiglio di effettuare il cambio olio e filtro sempre prima del valore più basso del range previsto di percorrenza (prima del raggiungimento dei 10.000 Km). Ad un prezzo di pochi Euro, si ha la certezza di avere sempre il circuito di lubrificazione perfettamente efficiente. Analizziamo anzitutto dove si dovrà andare ad intervenire sul motore, una volta smontate le sovrastrutture se necessario (carenatura, puntale, ecc.). Anzitutto facciamo un distinguo: motori di vecchia generazione e motori di nuova generazione. Sono distinguibili ad occhio: i motori di nuova generazione hanno il basamento ottenuto con il procedimento di fusione denominato Vacural e sono ben distinguibili dai motori di vecchia generazione perchè hanno il filtro olio ben in vista e non circondato dalla parete del basamento. La differenza tecnica di interesse è nella dimensione del tappo scarico olio, come meglio illustrato di seguito.

olio coppa alta 12

Coppa dell'olio di un motore "vecchia generazione".

1- tappo scario olio;
2- tappo filtro a rete;
3- tappo chiusura fusione.


olio coppa alta 1Ecco un'immagine di un basamento "nuova generazione" in cui è evidenziato il tappo scarico olio. Si può notare il diverso tipo di fusione del basamento (più rifinito e lineare rispetto ai vecchi) ed il filtro che appare ben in vista.


olio coppa alta 3Ecco una visione d'insieme di un motore Desmodue 1000 DS con evidenziati i particolari di interesse per le operazioni di cambio dell'olio.

1- Oblò ispezione livello olio;
2- tappo carico olio;
3- tappo filtro a rete;
4- filtro dell'olio;
5- tappo scarico olio.

Per il cambio dell'olio si dovrà operare esclusivamente sui tappi di scarico olio, tappo carico olio e filtro dell'olio.


olio coppa alta 7Anzitutto proteggete le mani prima di iniziare il lavoro, almeno un paio di guanti in lattice (tipo robusto) può già fare al caso. Posizioniamo la moto su un cavalletto di servizio in modo da tenerla ben ferma e dritta. Accendiamo il motore e facciamolo entrare in temperatura in modo da fluidificare al meglio l'olio. Spegniamo quindi il motore ed attendiamo una mezz'ora che l'olio ben fluido e caldo defluisca il più possibile verso la coppa dell'olio. Posizioniamo un contenitore per recuperare l'olio esausto sotto al motore, centrandolo con il tappo di scarico olio. Svitate il tappo di carico olio. Con una chiave a brugola da 10 mm. andiamo quindi a sbloccare e svitare il tappo di scarico olio. Fate attenzione!! Svitando il tappo di scarico inizierà a defluire l'olio motore che è ancora molto caldo!! Svitando il tappo olio fate attenzione alla sua rondella di tenuta in alluminio che, nella maggior parte delle volte resterà incollata alla sede di battuta del tappo nel basamento. Eventualmente, una volta scaricato l'olio, scollatela dalla sede con un giravite a testa piatta di piccole dimensioni.

Fate scaricare l'olio completamente senza avere fretta. Nel caso inclinate legegrmente la moto da un lato e dall'altro per cercare di svuotare al meglio la coppa dell'olio. Resterà comunque un pò di olio vecchio all'interno del motore (all'interno dell'eventuale radiatore olio, nelle intercapedini, sugli ingranaggi, cuscinetti, condotti vari di lubrificazione), non badateci troppo: cambiando l'olio motore ad intervalli corretti e con olio di ottima qualità sarà comunque un residuo che non crea problemi e che si miscelerà con il nuovo olio senza rovinarlo.


olio coppa alta 8Ecco, sulla sinstra, il tappo di carico olio e, sulla destra, il tappo di scarico olio. Potete notare che il tappo di scarico ha al suo centro una calamita che ha la funzione di trattenere le particelle metalliche in sospensione nell'olio. Queste particelle metalliche sono il normale consumarsi ed assestarsi delle parti in movimento del motore. Specie al primo tagliando (1000 Km), accade che si trovi una discreta quantità di limatura metallica attaccata al magnete: normale assestamento del motore. Badate, si deve trattare di limatura di ferro, trovarci dei veri e propri pezzetti di ferro (specie nei tagliandi successivi) significa che qualcosa funziona male... pulite il magnete e controllate che la filettatura del tappo sia anche lei bella pulita e priva di schiacciamenti. Anche l'inserto della chiave a brugola deve essere ben preciso e privo di smussature, eventualmente non esitate a cambiare il tappo di scarico con uno nuovo.

Controllate con cura lo stato dell'o-ring di tenuta del tappo di carico che deve essere integro, senza crepette o schiacciato. La rondella di tenuta del tappo di scarico olio può essere riutilizzata solo se in ottimo stato. Nel dubbio, conviene sempre sostituirla. Osa si potrà smontare il filtro olio. Questo è avvitato ad un nipplo solidale al basamento. Può tornare utile utilizzare una chiave a nastro universale, che grazie alla fascia sottile ed alla possibilità di poterla stringere e fermare con forza, riesce ad offrire una sufficiente leva per poter sbloccare il filtro olio.

olio coppa alta 9 olio coppa alta 10


Il filtro olio offrirà una discreta resistenza ad essere sbloccato, dovuto al naturale rigonfiamento della sua guarnizione (gonfiandosi garantisce la tenuta del filtro stesso). Smontato il filtro olio, svuotatelo nel contenitore che avete già usato per raccogliere l'olio del basamento. Pulite ed asciugate con la massima attenzione tutta la sede di appoggio del filtro olio (gocciolerà un pò di olio appena smontate il filtro) e la sede del tappo di scarico. Badate che le filettature del nipplo del filtro e della sede del tappo di scarico siano ben pulite. Avendo il basamento motore scarico di olio, è possibile pulire anche il filtro a rete, come descritto dettagliatamente negli articoli:


olio coppa alta 5Ora iniziamo a preparare il nuovo filtro olio. Sfilate la guarnizione di tenuta dalla sede sul filtro ed ungetela con olio motore. Aiutandovi con un piccolo imbuto riempite il nuovo filtro di olio motore sino a lambire la base della filettatura che si trova al centro (entreranno meno di 200 cc.). Nel riempire il filtro smuovetelo e ruotatelo lentamente in modo da far fuoriuscire al meglio l'aria presente al suo interno. Riposionate la guarnizione nella sua sede del filtro.


Il filtro olio potrà quindi essere riavvitato nella sua sede. Il serraggio vi consiglio di farlo letteralmente "a mano", stringendo più forte che potete eventualmente aiutandovi con una pelle di daino per avere più grip. Nel caso vogliate attenervi alla prescrizione da manuale, utilizzate una chiave a tazza per trattenere il filtro e poterlo serrare in sede a 11 NM.

ATTENZIONE!! Il tappo di scarico olio deve essere montato necessariamente a motore freddo!! Rimontate quindi il tappo scarico olio. Infilate la rondella di tenuta nel tappo e mettete un velo di pasta per motori sulla filettatura nella zona in prossimità della rondella. Verificate la filettatura del tappo olio: sui motori che abbiamo identificato come di "nuova generazione" è una M20 in luogo della classica M22. Nel caso sia una M20 il tappo tiratelo con una chiave dinamometrica a 20 NM (range di sicurezza compreso tra 18 e 22 NM). Nel caso si tratti di una M22 tiratelo con una chiave dinamometrica a 42 NM (range di sicurezza compreso tra 38 e 46 NM).


olio coppa alta 4Ora si potrà iniziare a caricare il nuovo olio motore. Caricate l'olio lentamente, dandogli il tempo di arrivare a decantare sul fondo della coppa dell'olio e di riempire tutti gli spazi attigui. Arrivati a circa due litri di carico si inizierà a vedere l'olio che sale dall'oblò di ispezione livello. Rallentate ulteriormente la velocità con cui caricate l'olio e portatelo ad un livello compreso tra la tacca del massimo e quella del minimo. Chiudete il tappo di carico. Accendete la moto: la spia rossa della pressione presente sul cruscotto si deve spegnere dopo pochi istanti. Fate girare qualche minuto il motore al minimo, quanto basta per fluidificare un minimo l'olio. Spegnete ed attendete cinque minuti, quindi verificate nuovamente il livello olio dall'oblò di ispezione livello: quasi sicuramente sarà necessario rabboccare l'olio per portarlo nuovamente al livello indicato nella immagine, ovvero sotto al livello del massimo (tra il riferimento del massimo ed il riferimento del minimo sarebbe ancora meglio...).


A mio parere è la giusta quantità di olio per far funzionare il motore in piena sicurezza in tutti i tipi di utilizzo e si hanno meno perdite per sbattimento e indesiderate sfumacchiate allo scarico per l'olio che risale dal circuito di sfiato del basamento. Assolutamente mai superare il livello del massimo, si andrebbero a stressare guarnizioni e paraoli a causa della pressione eccessiva a cui si potrebbe trovare a lavorare il basamento. Quindi, quanto olio si deve caricare? Quanto ne serve!! Non badate alle quantità indicate sui manuali, brochures, ecc., fate riferimento esclusivamente al livello che otterrete nell'oblò di ispezione livello. In generale, con quattro litri di olio si riesce a fare un tagliando a qualsiasi motore Ducati e ne avanza per eventuali rabbocchi e usi nel vostro garage.

Instagram logo
TOP

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi la nostra Cookies Policy.